otto-ruote


[Articolo precedente] [Articolo successivo] [Edicola ]

L'Alba di luce si avvia al tramonto

03 aprile 2002


Title: L'Alba di luce si avvia al tramonto
 
 
   
 
 
Pag. 1 - 1 MILANO METROP
 
 
Pag. 2 - SVUOTA
 
 
Pag. 3 - SVUOTA
 
 
Pag. 4 - SVUOTA
 
 
Pag. 5 - SVUOTA
 
 
Pag. 6 - SVUOTA
 
 
Pag. 7 - SVUOTA
 
 
Pag. 8 - SVUOTA
 
 
Pag. 9 - SVUOTA
 
 
Pag. 11 - SVUOTA
 
 
Pag. 12 - E QUI LA FESTA
 
 
Pag. 16 - SESTO
 
 
Pag. 17 - CINISELLO
 
 
Pag. 18 - SAN DONATO SAN GIULIANO
 
 
Pag. 19 - SEGRATE CASSANO
 
 
Pag. 20 - RHO
 
 
Pag. 21 - BOLLATE
 
 
Pag. 22 - CORSICO TREZZANO
 
 
Pag. 23 - ROZZANO
 
 
Pag. 27 - 1 OLA
 
 
Pag. 28 - CALCIO
 
 
Pag. 29 - CALCIO
 
 
Pag. 30 - VARIE
 
 
Pag. 31 - VARIE
 
 
Pag. 32 - VARIE
 
L'Alba di luce si avvia al tramonto
 

Sono iniziati ieri, nel piazzale davanti alla stazione Centrale, i lavori di allestimento del cantiere per la rimozione dell'«Alba di Luce» da piazza Duca d'Aosta.
L'opera dell'architetto britannico Ian Ritchie, come annunciato dal vicesindaco Riccardo De Corato, che ha la delega all'Illuminazione cittadina, verrà definitivamente smantellata entro settembre.
Alta 30 metri, la scultura pesa 75 tonnellate ed è ricoperta da 120 chilometri di fibre ottiche che si illuminano. Il suo smantellamento, deciso dopo una lunga serie di polemiche di critici ed intellettuali (in testa il sottosegretario alla Cultura, Vittorio Sgarbi) non sarà cosa facile.
«L'intervento - ha sottolineato il vicesindaco - sarà comunque portato a termine a costo zero per l'amministrazione, grazie alla pubblicità esposta sui ponteggi del cantiere». Due le ipotesi per una nuova collocazione dell'Alba: la prima soluzione è quella del Parco Nord, l'altra al centro Bonola.
Il presidente della zona 8 infatti si era fatto avanti per primo, nel novembre dello scorso anno, per proporre la candidatura del proprio circondario ad ospitare la struttura.
Poco più tardi l'idea era stata raccolta anche dal consorzio Parco Nord che, nonosdtante l'opposizione del sindaco di Sesto, Filippo Penati («Non dobbiamo diventare il cimitero delle opere che non piacciono più a Milano») aveva offerto di sistemarla in un prato davantio all'incrocio tra via Clerici e via Fulvio Testi, al confine tra Sesto e Milano.
Inaugurata il 18 gennaio 2001, l'opera era stata scelta tra le 500 proposte presentate al concorso indetto dal Comune due anni prima. Costata due miliardi di lire, è stata finanziata dall'Aem e dal gruppo bancario San Paolo Imi.
«Sarà l'artista a decidere dove collocarla», aveva detto in un primo tempo il vicesindaco De Corato. Ma l'architetto Ian Richie, dopo l'incontro avvenuto a febbraio in commissione monumenti, si era detto disponibile a qualunque soluzione logistica indicata dal Comune.
«Quel che fin d'ora è certo - spiega il vicesindaco - è che, nel rimontare l'opera, i cavi in fibra ottica andranno definitivamente perduti e dovranno essere sostituiti da cavi nuovi. È anche ipotizzabile una riduzione dell'opera in altezza. Ma chi deciderà di ospitarla dovrà decidere anche quanto spendere nell'impianto di illuminazione».
E' evidente che l'opzione costo zero per l'Amministraziione riguarda il trasloco, ma non si estende alle nuove fibre ottiche, un affare dunque o del Consorzio Parco Nord o della zona Bonola.
di Enrico Fovanna
 
STAMPA ARTICOLO INVIA L'ARTICOLO INIZIO PAGINA BACK
 
Editoriali
In Primo Piano
Sport
Spettacoli
Fotogallery
La posta del QN
 
 
 
Musica
DVD
Videogames
Articoli Regalo
Directory
 
Forum
Loghi & Suonerie
Chat
Bookmark
Webmail
Help
Annunci
Ricerca personale
Annunci legali
 
Cavallo Magazine
Lo Sperone
Costi di Casa
 

Spe Web - CDFlash - DADA - European Market Place - Mish Mash - La Canonica - Sadler
DISCLAIMER - CONTATTACI - PUBBLICITÀ
Copyright © 2002 MONRIF NET S.p.A. & POLIGRAFICI EDITORIALE S.p.A. Tutti i diritti riservati
Sito ottimizzato per Internet Explorer 5™


www.otto-ruote.it
Per informazioni, consigli e correzioni
contattare web@otto-ruote.it
Powered by aruba.it