otto-ruote


[Articolo precedente] [Articolo successivo] [Edicola ]

Un «sì» decisivo per costituire il Parco delle cave

18 aprile 2002


Title: Un «sì» decisivo per costituire il Parco delle cave
 
 
   
 
 
Pag. 7 - 1BRIANZA
 
 
Pag. 8 - 24 ORE BRIANZA
 
 
Pag. 9 - BRIANZA PRIMO PIANO
 
 
Pag. 10 - MONZA CITTA'
 
 
Pag. 11 - MONZA CITTA'
 
 
Pag. 12 - MONZA CITTA'
 
 
Pag. 13 - VILLASANTA BIASSONO MACH
 
 
Pag. 14 - SEREGNO CARATE VERANO
 
 
Pag. 15 - GIUSSANO BESANA BRIOSCO
 
 
Pag. 16 - BOVISIO VAREDO NOVA
 
 
Pag. 17 - LIMBIATE LAZZATE LENTATE
 
 
Pag. 18 - CESANO SEVESO MEDA
 
 
Pag. 19 - ARCORE CONCOREZZO AGRATE
 
 
Pag. 20 - BRUGHERIO CARUG. GORGONZ
 
 
Pag. 21 - TREZZO CORN. RONC. MASAT
 
 
Pag. 23 - LOMBARDIA PRIMA OLA
 
 
Pag. 24 - CALCIO
 
 
Pag. 25 - CALCIO
 
 
Pag. 26 - VARIE
 
 
Pag. 27 - VARIE
 
 
Pag. 28 - VARIE
 
 
Pag. 29 - SPORT BRIANZA
 
 
Pag. 30 - SPORT BRIANZA
 
Un «sì» decisivo
per costituire
il Parco delle cave
 
BRUGHERIO Primo passo ufficiale per istituire il «Parco delle cave». Lunedì sera in consiglio comunale si è discusso il protocollo d'intesa che la Provincia di Milano, il comune di Brugherio, Cologno, Cernusco, Carugate e Vimodrone , dovrebbero firmare per dar vita al parco sovracomunale «Est delle cave«. Da parecchi anni i comuni interessati hanno avviato un confronto per definire unitariamente gli strumenti di pianificazione delle aree dei rispettivi territori al fine di realizzare un parco locale.
Ora finalmente si è riusciti a stendere un documento comune che, una volta approvato da tutti gli interessati, darà il via al parco di circa 660 ettari ricco di cave (da qui la scelta del nome), fontanili, canali, cascine e aree agricole.
Tra gli obiettivi da raggiungere, vi è quello di recuperare il fontanile «Lodi» di Cernusco, di «riequipaggiare» dal punto di vista arboreo e arbustivo le aree agricole, di recuperare le cascine, valorizzare la Cava Increa di Brugherio, sistemare e realizzare percorsi ciclo pedonali che colleghino il parco con i centri storici dei vari comuni ed il circuito del Naviglio della Martesana.
Il protocollo d'intesa, che al momento è stato approvato dal solo comune di Carugate, prevede una perimetrazione di massima di 659 ettari, così suddivisa: 215 ettari in comune di Brugherio, 64 a Carugate, 222 a Cernusco, 73 a Cologno, 85 a Vimodrone. Lunedì sera anche il consiglio comunale di Brugherio doveva approvare il protocollo d'intesa ma così non è stato. In linea di massima, tutti i consiglieri sono favorevoli alla realizzazione del parco ed anzi, molti, a parte Giuseppe Nava dello Sdi, vorrebbero ampliarlo, includendo nel perimetro anche le aree agricole a nord dell'autostrada Milano Venezia ed il parco di Villa Brivio. La votazione è però stata rinviata a domani sera nella speranza che nel frattempo si trovi un'intesa.
Luigi Corbetta
STAMPA ARTICOLO INVIA L'ARTICOLO INIZIO PAGINA BACK
 
Editoriali
In Primo Piano
Sport
Spettacoli
Fotogallery
La posta del QN
 
 
 
Musica
DVD
Videogames
Articoli Regalo
Directory
 
Forum
Loghi & Suonerie
Chat
Bookmark
Webmail
Help
Annunci
Ricerca personale
Annunci legali
 
Cavallo Magazine
Lo Sperone
Costi di Casa
 

Spe Web - CDFlash - DADA - European Market Place - Mish Mash - La Canonica - Sadler
DISCLAIMER - CONTATTACI - PUBBLICITÀ
Copyright © 2002 MONRIF NET S.p.A. & POLIGRAFICI EDITORIALE S.p.A. Tutti i diritti riservati
Sito ottimizzato per Internet Explorer 5™


www.otto-ruote.it
Per informazioni, consigli e correzioni
contattare web@otto-ruote.it
Powered by aruba.it