otto-ruote


[Articolo precedente] [Articolo successivo] [Edicola ]

Così muore la cittadella dello sport

02 febbraio 2004


Title: Vivimilano.it - Così muore la cittadella dello sport





Copyright © 1999


Degrado in città
Così muore la cittadella dello sport
Spaccio, abusivi, sporcizia al centro Colombo. Inagibili i campi da calcio, tennis e le piste
Il centro sportivo Colombo (Fotogramma)
È diventato un covo di extracomunitari. Il centro sportivo Colombo, nel cuore del Giambellino, è una cittadella dello spaccio, un ammasso di sporcizia e degrado, la casa abusiva di chi non ha casa. Settantaduemila metri quadrati abbandonati. Due campi da calcio regolamentari, una dozzina di campi da tennis, e poi la pista di atletica con le tribune, i campi da calcetto e da calcio a sette. Un’area verde attrezzata per i bambini, spogliatoi, prefabbricati e la casa del custode. Tutto chiuso, sbarrato con catenacci e lucchetti. Tutto chiuso perché tutto fatiscente: al centro Colombo non è rimasto in piedi neppure il palo del cestino porta-rifiuti.
Milanosport, che ha ricevuto il centro dal Comune di Milano nel ’99, ha deciso in luglio di interrompere l’attività: «Non avevamo alternative — spiega il presidente Ernesto De Filippis — perché nessuna struttura garantiva più le norme basilari di sicurezza: la tribuna pericolante, le porte dei campi distrutti, il tennis inagibile, gli spogliatoi da rifare, i fili elettrici scoperti... E non c’erano soldi per ristrutturare». Anche perché qui, di soldi, ce ne vorrebbero tanti: qualcuno parla di uno e mezzo, qualcuno addirittura di 2 milioni e mezzo di euro. Il Comune non è in grado di pagare la riqualificazione e quindi si sta lavorando per cercare una soluzione alternativa. Nel frattempo, il consiglio comunale ha approvato a maggioranza un ordine del giorno che impegna alla riapertura «almeno parziale» di alcune strutture: «Ma i problemi di sicurezza rimangono lo stesso — ricorda De Filippis — e con la 626 non si può scherzare».
Eppure qui di fianco c’è la piscina Cardellino, che una volta faceva parte della stessa struttura e che ancora oggi viene gestita da Milano Sport: un gioiellino che è passato dai 240 iscritti del ’99 agli oltre 3 mila attuali. Qui nel 2001 si sono svolti i campionati italiani di nuoto riservati ai portatori d’handicap, qui si sono girati alcuni video musicali. «Con le strutture del Colombo — spiega Alessandro Crolla, responsabile della Cardellino — ci abbiamo provato. Abbiamo anche coinvolto alcuni ragazzi della zona per cercare di arginare i problemi di teppismo e delinquenza. Ma è stato un fallimento».
Si era detto della possibilità di affidare tutto l’impianto alla federazione dell’hockey che potrebbe realizzare un proprio palazzetto, affiancato da strutture per l’attività amatoriale. Le trattative sono ancora in corso e non è ancora stato definito il futuro dell’area.
Gli abitanti della zona, che si sono costituiti in comitato, stanno facendo sentire la loro voce: «Il Colombo — ricordano i residenti — è sempre stato un centro importante per la zona e non solo. È il degrado che ha allontanato l’utenza. Basterebbe studiare una collaborazione con le scuole qui vicine, tornare a proporre manifestazioni che avevano un grandissimo successo come la Primavera dello sport, per gli studenti, o Invito allo Sport per le associazioni». Il problema? «Chiudere tutto non è stata una soluzione: i vandalismi e i danneggiamenti di cui vediamo oggi i risultati sono cominciati in agosto. E se non si corre ai ripari, si può soltanto peggiorare».


di Elisabetta Soglio


Corriere della Sera | La Gazzetta dello Sport | Max | RPQ ricerca personale qualificato | Tesi online | Trovocasa | Bravacasa | Quantomipagano | Compensation | Amadeus | Newton | Il Mondo | Yacht capital | Happy Web | Speak Up | El Mundo | Economia & Management | EtasLab | Netdish | Blei | Euroclassified | Quibellezza | Quimamme | EdicolaFabbri | Rcs Media Group | Rcs Pubblicità | Rcs Libri | Rcs Scuola | La Tribuna | Amicascuola


FORUM: Sos degrado, le vostre segnalazioni


www.otto-ruote.it
Per informazioni, consigli e correzioni
contattare web@otto-ruote.it
Powered by aruba.it